Avv. Matteo Francavilla - Infortunistica Stradale - Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada


Tizio riceve notifica di un atto di citazione a giudizio avanti il  Giudice di Pace per un incidente stradale che avrebbe provocato con il proprio motociclo e per i danni asseritamente subiti dall’auto di Caio in conseguenza dell’urto.
Tizio, però, qualche giorno prima del presunto incidente aveva denunciato alla polizia e alla propria assicurazione il furto del motociclo, precisando, non avendo alcuna polizza contro il furto, di aver lasciato per dimenticanza le chiavi di accensione nell’apposito cilindretto.
Poco tempo dopo l’atto di citazione, Tizio riceve la notifica di una comparsa di risposta con un verbale scritto a mano dal Giudice di Pace. Comparsa del Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada che chiedeva e riceveva autorizzazione alla notifica ai fini dell’esercizio dell’azione di regresso ex art. 292 D.Lgs. 209/2005.
A questo punto, preoccupato di dover pagare qualcosa, si è rivolto a me per un parere sul da farsi.
Il Fondo di Garanzia eccepiva preliminarmente la carenza di legittimazione passiva sul presupposto che l’ipotesi D) ex art. 283 comma 1 lett. d) disciplinasse solo la fattispecie di sottrazione contro la volontà del proprietario, quindi prohibente domino.
Il Fondo, inoltre, poneva attenzione sulla differenza tra furto invito domino e furto proibente domino.
La prima locuzione “invito domino” indica la tipica sottrazione del veicolo da chi ne aveva la disponibilità perché in possesso delle chiavi di accensione. Come nel caso in esame.
L’espressione invece “prohibente domino” rappresenta la volontà del proprietario di un veicolo di impedire a chiunque la sua utilizzazione attraverso l’uso di sistemi di sicurezza come il blocco sterzo o l’allarme perimetrale.
La ricerca giurisprudenziale avanzata con tre motori di ricerca e consultazioni di due/tre banche dati giuridiche non sortiva alcun esito, risultando pertanto la presenza di un vuoto giurisprudenziale.
La lettura della norma, in ogni caso, non lascia spazio a diverse interpretazioni poiché parla espressamente di “d) il veicolo sia posto in circolazione contro la volontà del proprietario, dell’usufruttuario, dell’acquirente con patto di riservato dominio o del locatario in caso di locazione finanziaria”.
A questo punto, stante il dettato della norma contrario, nonchè il vuoto giurisprudenziale, ho comunicato al cliente che sarebbe stato chiamato successivamente a manlevare l’assicurazione …. , ovvero il Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada, di quanto anticipato e pagato all’attore a titolo di risarcimento danni, oltre spese legali.

Avv. Matteo Francavilla
Piazzale Ferdinando Martini 1 - 20137 - Milano
cell. +39.328.1031229
mfrancavilla75@gmail.com

  • Lombardia = Milano - Bergamo - Brescia - Como - Lodi - Cremona - Lecco - Mantova - Monza - Varese - Sondrio - Pavia - Busto Arsizio - Sesto San Giovanni - Cinisello Balsamo - Vigevano - Legnano - Gallarate - Rho - Seregno - Lissone - Rozzano - Desio - Vogh

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.