Avv. Matteo Francavilla - Diritto Penale: "Un tentato furto di bicicletta"


Mi contatta la sig.ra Maia preoccupata per la situazione del figlio minore Luca di 16 anni. Ricevetti lo stesso giorno la sig.ra Maia e suo figlio Luca in studio ad Acqui Terme per una consulenza urgente. Mi mostrarono subito i documenti che avevano portato. Ovvero un verbale di dichiarazione ed elezione di domicilio a carico di Luca per i reati p. e p. ex artt.  110, 56, 624, 625 nn. 2 e 7 c.p; avviso di conclusione delle indagini preliminari notificato circa un mese prima dell’incontro; lettera di un difensore d’ufficio cui avevano revocato il mandato pagandolo; copia di tutti i documenti presenti all’interno del fascicolo d’ufficio del P.M..
Disaminai la documentazione e ascoltai da solo il ragazzo sedicenne su come si erano svolti i fatti, chiedendogli di riferirmi tutto per filo e per segno quello che era successo e ciò che non aveva detto alla mamma e al papà. Successivamente resi il parere. Avremmo innanzitutto dovuto contattare il Pubblico Ministero e sondare disponibilità dello stesso a vagliare un possibile interrogatorio. Successivamente dovremo depositare una memoria difensiva con richiesta di Perdono Giudiziale. Una misura prevista dal codice che rappresenta una delle forme attraverso cui si può risolvere favorevolmente il processo penale a carico di un minore, attraverso sentenza di non luogo a procedere. Trattasi di una “concessione” da parte del Giudice procedente, affinché il processo si chiuda senza una condanna, in presenza di determinati presupposti.  


Avv. Matteo Francavilla
Piazzale Ferdinando Martini 1 - 20137 - Milano
cell. +39.328.1031229
mfrancavilla75@gmail.com



Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.